Terme libere di Viterbo – Bullicame


Fra le più famose sin dall’epoca antica, le terme libere del Bullicame sono al tempo stesso un luogo di relax e benessere, ed un’attrazione storico-culturale.

Qui infatti è possibile vedere, nell’area che comprende i bagni liberi, il famoso cratere in cui l’acqua ed il fango termale fuoriescono in superficie fra bollori superficiali, bolle di gas, schizzi e intensi vapori, che facevano pensare gli antichi alle atmosfere fumose e incandescenti degli Inferi.

Attualmente, la sorgente termale è protetta da una struttura perimetrale in plexiglass, che impedisce l’accesso ai curiosi, ma al contempo lascia vedere sia il cratere di fuoriuscita, che la stele su cui sono scolpiti i versi celeberi della Divina Commedia che la menzionano.

Come raggiungere i bagni gratuiti del Bullicame

Uscite da Viterbo verso ovest, seguendo le indicazioni per Tuscania, percorrete così la Strada Tuscanese, detta anche “stradone dell’Aeronautica” per la presenza in loco del Comando dell’Aeronautica Militare.

L’ingresso all’area dell’Aeronautica Militare è ben visibile sulla destra e, dopo averlo superato, fate un altro chilometro fino a trovare sulla sinistra, direttamente sulla via, il grande prato delle Piscine Carletti. Le Piscine Carletti si trovano proprio sull’angolo formato dalla Strada Tuscanese e la Provinciale 15 diretta allo stabilimento Terme dei Papi. Imboccate la provinciale e dopo appena cinquecento metri, svoltate a sinistra nella strada sterrata del Bullicame.

Consigli utili

Sebbene ad accesso libero e gratuito, i bagni del Bullicame sono compresi all’interno di una zona recintata prevista a protezione dello storico cratere termale ricordato menzionato da Dante Alighieri. Questo piccolo parco termale recintato è custodito da dei volontari che implacabilmente avvisano i bagnanti, mezz’ora prima dell’ora stabilita, che l’area sta per chiudere, e devono quindi prepararsi ad uscire.

D’inverno l’area del Bullicame chiude alle 17, mentre d’estate alle 18.

Si parcheggia nello stradello sterrato di fronte all’ingresso dell’area recintata e, se non c’è posto un pò più indietro, ma solitamente non ci sono problemi in merito.

Per mangiare, non ci sono strutture ove rifocillarsi presso i bagni liberi e sicuramente sarà necessario prendere la macchina. Tuttavia, vi basterà tornare sullo stradone dell’Aeronautica per trovare qualche ristorante nel giro di un paio di chilometri, oppure rientrare direttamente dentro Viterbo che dista appena qualche chilometro dall’area dei bagni.

Se siete amanti del percorso frigidarium-calidarium, presso il Bullicame trovate due piscine: quella rotonda in cui sgorga l’acqua bollente proveniente dal cratere termale, e quella lunga e rettangolare in cui fluisce l’acqua ad una temperatura relativamente molto più bassa. Passando da una vasca all’altra otterrete un significativo effetto di riattivazione della circolazione sanguigna.

Tenete in macchina, se potete, diverse bottiglie o alti contenitori riempiti con acqua pulita per lavarsi al termine dei bagni: le acque termali del Bullicame contengono una notevole quantità di zolfo, utilissimo per la sedimentazione di un piacevole fango naturale da spalmarsi addosso, ma estremamente odoroso e tenace da lavar via. E’ quindi consigliabile darsi almeno una prima sciacquata subito, per evitare di salire in auto sporchi ed accompagnati da un odore poco piacevole.

Curiosità sulle terme gratuite del Bullicame

Il bagno del Bullicame è celebre per essere stato menzionato nientemeno che da Dante Alighieri nella Divina Commedia. In particolare, il poeta fa riferimento alla caldissima sorgente termale nel Canto XIV dell’Inferno, in cui paragona i vapori sulfurei sprigionati dalle sue acque alle cupe atmosfere degli inferi.

In effetti, pare che il nome di questa polla termale derivi proprio dal fatto che, alla sorgente, le acque sono talmente calde che tendono letteralmente a “sobbollire” o, detto altrimenti, a “ bullicare”, anche per via della elevata concentrazione di gas disciolto che le fa emergere sotto forma di bolle superficiali.

Photo gallery

Le foto offerte da Panoramio per Terme libere di Viterbo – Bullicame sono sotto il copyright dei propri possessori.

Meteo per Terme di Viterbo

Venerdì 03
Venerdì 03 - Cielo Sereno
Cielo Sereno
Sabato 04
Sabato 04 - Cielo Sereno
Cielo Sereno
Domenica 05
Domenica 05 - Cielo Sereno
Cielo Sereno

Mappa Terme libere di Viterbo – Bullicame

Vacanze di primavera, perché scegliere le terme

Vacanze di primavera, perché scegliere le terme

​Con la bella stagione che fa capolino, la voglia di una breve vacanza all’insegna del relax torna a farsi sentire. 

Primavera e malanni di stagione: i benefici delle Terme

Primavera e malanni di stagione: i benefici delle Terme

​Curare i malanni di stagione, quelli che si palesano con l’arrivo della primavera, oppure porre rimedio alle patologie che ci si porta dietro sull’onda lunga dei mesi più freddi. Qualche che sia la necessità il ricorso alle terme è una soluzione che può apportare notevoli benefici all’organismo e alla sua salute

Terme Centro Italia: Ecco Dove Andare

Terme Centro Italia: Ecco Dove Andare

Scopri Dove Andare alle Terme Centro Italia in questa Utile Guida Aggiornata. Parti Ora!

Pasquetta alle Terme: le 5 Migliori Destinazioni in Italia

Pasquetta alle Terme: le 5 Migliori Destinazioni in Italia

​Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi, così recita il detto. Meglio ancora se non è solo Pasqua ma anche Pasquetta e magari alle terme!