Terme libere di Petriolo


Le terme libere di Petriolo sono i bagni gratuiti più famosi della Toscana dopo Saturnia, e probabilmente in epoche anteriori sono state anche molto più prestigiose rispetto a quest’ultime.

Attualmente le vasche ricavate lungo il corso del fiume Farma si limitano a captare le acque in eccesso non utilizzate dal recentissimo stabilimento termale a pagamento costruito a pochi metri di distanza, mentre in precedenza vantava un flusso abbondantissimo di acqua molto calda.

Come raggiungere i bagni gratuiti di Petriolo

Per arrivare ai bagni di Petriolo percorrete la Statale 223, meglio nota come Superstrada Siena-Grosseto. Lungo il tragitto trovate, sia in un senso che nell’altro degli svincoli, segnalati con l’indicazione “Bagni di Petriolo” che immettono sulla Sp 4, ovvero la Provinciale di Petriolo.

A questo punto fate ancora 2/3 chilometri e trovate i bagni liberi proprio nel punto in cui il viadotto della Provinciale scavalca il Farma.

Se non avete idea del punto della Statale in cui si esce per Petriolo (e avete paura di non vedere i cartelli appositi) tenete presente che, da Siena, distano una trentina di chilometri, mentre da Grosseto circa una quarantina.

Consigli utili

Per via della loro notorietà, le Terme di Petriolo sono le più gettonate in Toscana dai turisti stranieri, dopo Saturnia. Questo significa che soprattutto nei week-end, in alta o bassa stagione, bisogna arrivare presto la mattina se ci si vuole accaparrare un buon posto presso i bagni di Petriolo, cioè possibilmente una delle vasche calcaree ricavate subito sotto il getto d’acqua termale.

Il problema è che da quando è stato costruito lo stabilimento termale, la portata della fonte che alimentava i bagni liberi si è notevolmente ridotta e dunque molte vasche usate in precedenza risultano ormai inesorabilmente secche.

Nel complesso, i bagni di Petriolo non sono più all’altezza della loro fama, ma merita comunque visitarle per due motivi: 

  • il contesto paesaggistico molto suggestivo, con la pozza recintata da ciottoli affacciata sul Farma e le pittoresche rovine che incombono sui bagni liberi;
  • il gradevole effetto frigidarium-calidarium che si ottiene passando in sequenza dalle acque calde della sorgente termale a quelle fredde del fiume Farma.

Pranzo al sacco pressochè d’obbligo, dato che Petriolo si trova nel cuore del Parco naturale della Merse, in mezzo ad una campagna verde e incontaminata, ma molto lontana da qualsiasi centro abitato o struttura ricettiva.

Curiosità sulle terme gratuite di Petriolo

Come risulta ancora visibile dalle rovine in laterizio poste nei pressi della fonte termale, Petriolo rappresenta nella storia un rarissimo caso di “terme fortificate”. I monconi di mura residui appartengono infatti all’antico “Castello di Petriolo” struttura difensiva eretta a protezione della sorgente e dei bagni, ritenuti beni talmente preziosi da non poter essere lasciati in balìa delle minacce provenienti dai vari potentati dei dintorni.

La rinomanza delle sue acque è testimoniata dalla visita a scopo curativo di papa Pio II, che qui venne per sanare la “podagra”, malattia di cui soffriva e che gli impediva di camminare senza dolore.

La Repubblica di Siena faceva pagare una gabella sull’uso dei bagni Petriolo, caso pressochè unico fra le varie terme libere italiane, e testimonianza anch’essa del valore straordinario attribuito a queste acque medicamentose.

Photo gallery

Le foto offerte da Panoramio per Terme libere di Petriolo sono sotto il copyright dei propri possessori.

Meteo per Terme di Petriolo

Venerdì 07
Venerdì 07 - Cielo Sereno
Cielo Sereno
Sabato 08
Sabato 08 - Cielo Sereno
Cielo Sereno
Domenica 09
Domenica 09 - Cielo Sereno
Cielo Sereno

Mappa Terme libere di Petriolo

​Stagione termale 2020: come si riparte

​Stagione termale 2020: come si riparte

In attesa del via libera del Governo sulla riapertura completa dei centri termali dopo l’emergenza Covid, si lavora al protocollo per la gestione in sicurezza delle piscine e si ripensa a una riformulazione dell’offerta turistica che possa adeguarsi alle mutate necessità della clientela

Primavera e malanni di stagione: i benefici delle Terme

Primavera e malanni di stagione: i benefici delle Terme

​Curare i malanni di stagione, quelli che si palesano con l’arrivo della primavera, oppure porre rimedio alle patologie che ci si porta dietro sull’onda lunga dei mesi più freddi. Qualche che sia la necessità il ricorso alle terme è una soluzione che può apportare notevoli benefici all’organismo e alla sua salute

Terme Centro Italia: Ecco Dove Andare

Terme Centro Italia: Ecco Dove Andare

Scopri Dove Andare alle Terme Centro Italia in questa Utile Guida Aggiornata. Parti Ora!

Come Fare le Terme Notturne

Come Fare le Terme Notturne

Se sei alla ricerca di una meta speciale per fare le Terme Notturne: ecco le nostre proposte scelte tra le più belle località termali d'Italia.