Pulizia del viso: antichi segreti che tornano di moda

Pubblicato: 24/10/15 17:10

Le tradizionali cure previste dalla medicina termale hanno subito un ritorno di credibilità nell'ambiente scientifico, ma oltre questa materia che riguarda coloro che soffrono di specifiche patologie, gli stabilimenti guardano anche ad un target sempre più vasto composto da donne e uomini in cerca di rimedi naturali ad inestetismi  o semplici segni del tempo.

Lo zolfo è conosciuto nel termalismo come un "potente antibatterico naturale con effetto antinfiammatorio". Ecco allora che tra i vari percorsi benessere proposti in varie strutture, ne esistono di particolarmente elaborati, come presso le Acque Albule.
Qui le sorgenti sulfuree ed ipotermali hanno un colore biancastro dovuto all'evaporazione dell'anidride carbonica e dell'idrogeno solforato disciolti nell'acqua e risultano di particolare interesse le soluzioni adottate soprattutto per la pulizia del viso.

"Presso i laghi Regina e Colonnelle - spiega la direzione sanitaria - situati sul versante settentrionale della via Tiburtina, sgorgano le acque che raggiungono le terme con una portata di tremila litri al secondo alla temperatura di 23°C, costante tutto l'anno".
Lo staff di Tivoli Terme spiega che "la pulizia del viso è considerata in estetica quel trattamento base che serve a rimuovere dalla cute superficiale le impurità, le cellule morte ovvero 'lamelle cornee in via di desquamazione' ed i traumatici punti neri, o comedoni".

Come sfruttare l’azione antisettica dello zolfo? "Prima di elencare alcuni esempi occorre dire che è proprio questa azione che rende il trattamento particolarmente adatto alle pelli grasse ed impure" sottolineano gli esperti.

Si deve al dott. Vodder la tecnica del linfodrenaggio per il riassorbimento della stasi linfatica del viso-collo-decolleté. Alternare manovre drenanti e stimolanti la reattività dei muscoli mimici del viso fa invece parte di un massaggio tonificante.
Un altro massaggio proposto alle Acque Albule è il Ki Haromony basato su tecniche cinesi ancestrali capaci di rilassare la pelle sviluppando le beta endorfine: "un massaggio antistress con manovre rilassanti di sfioramento e digitopressione, dove la peculiarità è la “danza dei pennelli” per un “soft peeling” ed idratazione della pelle".

Non manca la filosofia indiana. "Il corpo è attraversato da flussi energetici che se bloccati per un qualsiasi motivo provocano disturbi e malattie. Un massaggio rilassante e riequilibrante, facilita la circolazione nel volto, riduce la tensione, allevia le cefalee e i dolori cervicali, migliora la vista, disintossica, scioglie le emozioni negative, migliora la concentrazione ed aiuta a combattere l’insonnia".

Il trattamento estetico di pulizia maggiormente utilizzato? "Per esfoliare e rinnovare l'epidermide: il peeling che per il viso è levigante, rigenerante, enzimatico con impacco idratante. Viene eseguito con l’applicazione di attivi esfolianti cui si fa seguire un impacco idratante. Importante nel peeling è anche l'uso della Vitamina C che blocca i danni ossidativi, idrata in profondità, riduce l’infiammazione acneica".

Usata è anche la biostimolazione. "Per il refreshing di pelli giovani o pelli mature ma delicate, mentre si ricorre ad una alta bio-stimolazione e refreshing per pelli mature e atone che necessitano di una intensa azione tonificante e rigenerante".

GoGoTerme

Cerca Hotel su booking

Data check-in

Data check-out

Migliore Tariffa Garantita
offerte hotel per il tuo weekend alle terme