Fangoterapia: scacco allo stress in 4 mosse

Pubblicato: 21/12/15 18:12

Salute e benessere psicofisico nell’individuo sono strettamente legate allo stile di vita quotidiano. Stile di vita può sembrare un modo carino di definire l'outfit dell'essere umano, in realtà è uno status sociale in cui si raggruppano anche l'attività lavorativa, la famiglia, lo studio, le aspettative, i progetti e le preoccupazioni.
   Impegnati nel rispettare diligentemente l'agenda, perdiamo di vista le funzioni vitali e l'equilibrio biologico del corpo, con la conseguenza di vedere concentrarsi nel dolore fisico tutte le negligenze commesse nei confronti del nostro corpo.
Moderne teorie sulla genesi delle patologie ossee ritengono estremamente importante la postura, è l’uso improprio delle articolazioni che porta al progressivo sfregamento delle ossa che si consumano, si consumano le cartilagini che rivestono le ossa e questo determina che nei legamenti e nelle capsule articolari, in caso di infiammazione compare il dolore.

Quali i principali sintomi?
 "Dolore e spasmo muscolare in ed attorno alle articolazioni colpite; accompagnato da spasticità e rigidità nei gruppi muscolari periarticolari.
Limitazione al movimento dovuta alla presenza della sintomatologia dolorosa, a cattiva distribuzione del carico, a incongruenza tra i capi articolari.
Ipotrofia dei gruppi muscolari nelle articolazioni interessate dal processo artrosico è la conseguenza della ricerche di posizioni antalgiche, sia in statica che in dinamica. 

Limitazione/impotenza funzionale che può giungere fino al blocco di ogni movimento, soprattutto in fase di infiammazione acuta".

La fango-balneo terapia o fangoterapia è il metodo naturale più gradito dai pazienti, ed il rimedio più efficace secondo i medici per alleviare, distendere e riequilibrare il corpo.
Sono 4 le mosse vincenti: 1. Applicazione del fango termale 2. Bagno termale 3. Reazione sudorale 4. Massaggio terapeutico.

I fanghi termali di Abano Terme sono conosciuti in tutto il mondo, e la fangoterapia vive qui la sua funzione più attiva e la sperimentazione più all'avanguardia, praticata in tutti gli stabilimenti alberghieri delle Terme Euganee è convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale.
 Utile nella cura e prevenzione delle malattie reumatiche e artritiche, permette di garantirsi molti mesi di benessere, aiuta anche le persone che soffrono di malattie quali l’artrosi e l’osteoporosi.

"L’applicazione del fango termale maturo è un metodo di trattamento delle malattie reumatiche in fase non acuta, molto diffuso e riconosciuto per la sua efficacia nella risoluzione della sintomatologia dolorosa e per il contenimento della reazione infiammatoria che accompagna il processo di deterioramento della cartilagine" spiega la direzione sanitaria delle Thermae Abano Montegrotto

La compressione nervosa risulta spesso molto fastidiosa per pazienti di qualsiasi età. Affinché un trattamento risulti efficace si devono però effettuare almeno 6 sedute consecutive: il ciclo di fangoterapia preventiva dura in media 1 settimana per un numero di 6 applicazioni, il ciclo di fangoterapia curativa dura in media 2 settimane per un numero di 12 applicazioni.

Applicazione del fango termale. Dopo la visita affidata allo specialista, il fango viene applicato sulla superficie delle articolazioni del corpo in base alle indicazioni del direttore sanitario, ad una temperatura fra i 39-42° C, per circa 15/20 minuti. Il calore del fango produce una vasodilatazione sui componenti dell’apparato locomotore e genera cambiamenti a livello cellulare, della funzione escretoria della pelle, specie nei riguardi dell’acido urico, di cui viene aumentata l’eliminazione favorendo così un’azione disintossicante.

Bagno termale. Dopo una doccia con acqua termale per rimuovere il fango, l’ospite viene immerso in una vasca con acqua termale a circa 37° C con idromassaggio e ozonoterapia, per circa 10 minuti, qui la balneoterapia favorisce la circolazione, il rilassamento della muscolatura ed induce un’azione analgesica e favorisce specifici stimoli ormonali, biochimici e neurovegetativi che completano il pieno recupero del benessere.

Reazione sudorale. I tessuti rilasciano il calore accumulato per la reazione sudatoria della durata di circa 30/60 minuti dovuta all’aumento della temperatura corporea e alla vasodilatazione sanguigna.

Massaggio terapeutico, ultima fase del percorso giornaliero del trattamento termale, ha effetto decontratturante e tonificante, stimola la cute e la muscolatura.

Importanti le controindicazioni. "L’applicazione del fango richiede una sostanziale integrità delle funzioni cardiocircolatorie e renali. In caso contrario, sono previste applicazioni parziali di fango in modo da sottoporre il corpo ad un impatto più contenuto. La fangoterapia è comunque esclusa per soggetti affetti da cardiopatia severa o scompensata, da cardiopatia ischemica, da vascolopatia cerebrale e periferica grave, da gravi nefropatie croniche con insufficienza renale, tromboflebite, fasi acute di patologie infiammatorie, insufficienza respiratoria, cardiaca ed epatica gravi. Altre controindicazioni sono riscontrabili in caso di TBC, nella fase acuta di malattie a carattere infiammatorio, nell’epilessia, nell’ipertiroidismo e nei tumori maligni. Si deve inoltre evitare l’applicazione del fango in presenza di varici venose degli arti inferiori specie se aggravate da complicazioni quali flebiti e ulcere, in gravidanza e nei primi giorni del flusso mestruale"

GoGoTerme

Cerca Hotel su booking

Data check-in

Data check-out

Migliore Tariffa Garantita
offerte hotel per il tuo weekend alle terme