Cura del corpo, fango bianco e fango grigio: consigli per l'uso

Pubblicato: 06/09/16 15:09

L’esercito romano distrusse i centri etruschi, ma fece tesoro di quella straordinaria civiltà che aveva lasciato l’impronta di una cultura termale raffinata; per questo motivo alcuni bagni mantennero il nome di Terme Etrusche, almeno fino ai tempi dell’Impero.
Presso Viterbo, in un laghetto vulcanico, colmo di acque termali scaturite da innumerevoli sorgenti che ne animano il fondale argilloso, c'è oggi un fango molto raro perché già maturo. Utilizzato in terapia sempre vergine, matura da millenni sul fondo del laghetto termale e da qui, dalle Terme dei Papi, si estraggono due tipi di fango: quello lavico di colore grigio utilizzato in fangoterapia e quello sorgivo di colore bianco utilizzato per i trattamenti estetici.

Il Fango non viene creato in laboratorio, non viene mescolata argilla con acqua termale, non viene mai rigenerato. Il fango “maturo” delle Terme dei Papi è prelevato vergine dal fondo del laghetto termale Bagnaccio dove innumerevoli sorgenti solfuree lo arricchiscono da millenni di elementi organici e inorganici. 
Il prezioso fango termale, ricco di oligoelementi e sali minerali, viene applicato su tutto il corpo alla stessa temperatura dell'organismo, è la sua naturale azione esfoliante che rende la pelle levigata, detossinata e recettiva. 

Ad ogni esigenza corrisponde una modalità di applicazione, anche su singole parti del corpo, e sono questi trattamenti a caratterizzare l'offerta di una Spa ed anche la sua importanza internazionale.

 Spiegano gli esperti che "L’applicazione in terapia del fango terapeutico delle Terme dei Papi determina un aumento della permeabilità cutanea e la presenza dei fosfolipidi favorisce il trasporto delle sostanze biologicamente attive al di sotto del mantello cutaneo verso gli organi bersaglio costituiti da articolazioni, tendini e muscoli. Il calore di applicazione determina un’efficace decontrazione muscolare dando un’immediata sensazione di benessere; lo stesso calore provoca vasodilatazione nei tessuti ove viene applicato favorendo un aumento della circolazione locale e rimuovendo sostanze tossiche e infiammatorie".
L’applicazione del fango naturale delle Terme dei Papi, ricco di sali minerali, vitamine, antiossidanti e sostanze biologicamente attive, "determina un’azione locale antisettica levigante ed antinfiammatoria, viene perciò utilizzato per contrastare ogni tipo di inestetismo cutaneo. Applicato a temperatura tiepida conserva un’attività locale vasoattiva capace di contrastare con efficacia la cellulite".

"Dopo un’applicazione di fango naturale ricco di antiossidanti sul viso e sul corpo segue un massaggio completo e rilassante. La crema idratante ai crenosomi prolunga le proprietà benefiche del fango applicato" spiega lo staff delle Terme dei Papi illustrando agli ospiti il primo dei trattamenti destinati alla cura del corpo.

 L'ospite, istruito preventivamente sui possibili percorsi, potrebbe optare per una "Maschera corpo di fango naturale seguita da massaggio con crema idratante ai crenosomi termali" ed ancora "fango termale preceduto da uno scrub ai crenosomi termali e seguito da applicazione su tutto il corpo del nutriente burro di karitè" in tal caso "dopo il trattamento la pelle risulta levigata e rigenerata".

Un trattamento anti cellulite è invece quello "Applicato a temperatura tiepida, il fango terapeutico delle Terme dei Papi garantisce un’attività locale vasoattiva capace di contrastare con efficacia la cellulite. Completa il trattamento un massaggio circolatorio con Lipogel Anticellulite TdP" oppure "Dopo una applicazione di fango sulle zone interessate (braccia, addome e gambe), segue coppettazione e massaggio specifico. Ideale per contrastare naturalmente gli inestetismi cutanei".

Per le gambe un "Ottimo trattamento per eliminare i liquidi in eccesso causa di gonfiori ed inestetismi. L’azione del fango termale è coadiuvata dalla pressoterapia, segue poi un massaggio drenante con lipogel ai crenosomi" ed ancora "La pressoterapia ed il massaggio circolatorio favoriscono il microcircolo e donano una immediata sensazione di leggerezza"

Per l'addome, invece "Applicazione di fango nella zona da trattare, coppettazione e compresse di acqua termale. Termina il trattamento un massaggio localizzato ideale per drenare e tonificare" in alternativa "Un bendaggio adatto ad ogni esigenza, combinato con potenziatori nebulizzati per un risultato visibile. TONIFICANTE per rassodare glutei, seno e braccia; DRENANTE contro gli inestetismi della cellulite e la ritenzione idrica; LIPOLITICO per snellire gli accumuli adiposi" oppure una "Tecnica manuale ritmica e delicata che favorisce il flusso della linfa in tutti i tessuti del corpo, lavorando senza olii e creme. Contribuisce a ridurre il gonfiore in caso di edema (ovvero accumulo di liquidi), e a rimuovere le sostanze di scarto dall’organismo. Particolarmente indicato in presenza di cellulite".

Il massaggio circolatorio poi "favorisce il microcircolo periferico sia venoso che linfatico degli arti inferiori e nel contempo allevia e scioglie le tensioni muscolari della zona cervico-dorso-lombare, mentre un massaggio drenante e modellante "aiuta a contrastare le adiposità localizzate e il ristagno dei liquidi, con effetto gambe leggere".
Alternativo un massaggio "avvolgente e rilassante massaggio su tutto il corpo mirato a rilassare e nello stesso momento idratare la pelle in profondità. L’utilizzo di un’esclusiva formula con crema specifica ai crenosomi termali, olio di mandorle e burro di karitè, lascia la pelle particolarmente profumata e nutrita".

Per i piedi infine, è prevalentemente consigliato un massaggio "Dedicato ad una zona importante ricca di terminazioni nervose e sottoposta ogni giorno al peso del nostro corpo. Riattiva la circolazione periferica, favorisce una profonda idratazione e regala una sensazione piacevole".

Cerca Hotel su booking

Data check-in

Data check-out

Migliore Tariffa Garantita
offerte hotel per il tuo weekend alle terme