Acque Albule: sale, miele e peperoncino per far rivivere la tradizione

Pubblicato: 04/03/17 11:03

I dintorni romani sono storicamente vicini alla filosofia termale, avendo eletto i popoli antichi nei bagni il luogo di aggregazione per antonomasia, destinato alla cura del corpo e alla cultura della fisicità.
Le acque avevano un ruolo determinante: i famosi acquedotti servivano per trasportare le acque sorgive ed alimentare e riscaldare le vasche, ma anche il massaggio rappresentava una fase importante della permanenza nelle strutture dedicate.
Materie prime erano i prodotti dell'agricoltura locale, così come le spezie essenziali oggi recuperate e riproposte in chiave moderna.

Oggi lo staff delle Acque Albule sulla Via Tiburtina Valeria a Tivoli Terme ripropone il massaggio romano con l’obiettivo di "Detergere, ridurre gli inestetismi cutanei e decontrarre i muscoli. Vengono utilizzati prodotti naturali come il peperoncino per vasodilatare, il sale per eliminare le cellule morte ed il miele per reidratare la pelle".

L'antico massaggio romano termale apre le porte a "Le vie del Benessere" ovvero la Spa della struttura di Tivoli.

La filosofia della Spa "Corpo e acqua termale si fondono per permettere alla mente di rilassarsi. I getti d’acqua sono posizionati in modo che, a giro completo, tutti i muscoli dalla cervicale alla pianta dei piedi viene massaggiata dall’acqua, questo caratterizza la piscina sulfurea interna. Per gli appassionati del relax c'è il bagno idromassaggio, dopo aver passeggiato nel percorso vascolare. L’alternanza dell’acqua fredda (24°C) con quella calda (37°C), ridanno forza ed energia alle gambe gonfie, affaticate, riattivando la circolazione linfo-ematica e riequilibrando il tono muscolare. La sauna ed il bagno turco permettono, agli amanti del caldo, un’immersione del corpo nel vapore solfureo per purificarsi dall’interno, ed il caldo secco ad effetto detossificante. La depurazione continua con la doccia aromatica, getti d’acqua che sprigionano essenze profumate ad effetto rilassante. Il viaggio si conclude nella sala relax, dove sono disponibili tisane di vari gusti utili per reintegrare i liquidi persi".

Federterme avvisa che nel 2017 l'azienda intende perseguire la diffusione del patrimonio medico scientifico termale creando occasioni di confronto necessarie alla maggiore qualificazione specialistica ed alla approfondita conoscenza delle possibilità terapeutiche delle acque termali con particolare riferimento alle acque solfuree di Tivoli Terme.

Un incontro avrà luogo l'11 marzo 2017, realizzato con la collaborazione dell'UOC Medicina Interna, Terapia Medica e Medicina Termale, Scuola di Specializzazione in Medicina Termale dell'Azienda Ospedaliera Universitaria del Policlinico Umberto I° dell'Università La Sapienza di Roma, diretta dal Prof. Antonio Fraioli.
Il titolo del corso sarà "Bambini e cure termali alle Acque Albule quando e perché" e la partecipazione garantirà il riconoscimento di crediti formativi.

L'obiettivo? Lo spega il prof. Fraioli "Quello di dedicare una giornata di studio sulla Medicina Termale con lo scopo di valorizzare tale settore e informare e sensibilizzare, dove ce ne fosse il bisogno, i medici specialisti di Pediatria, di Otorinolaringoiatria, di Dermatologia ed i medici di Medicina Generale, sull'efficacia delle cure Termali in alcune patologie otorinolaringoiatriche e della cute, con speciale riferimento all'età evolutiva".

GoGoTerme

Cerca Hotel su booking

Data check-in

Data check-out

Migliore Tariffa Garantita
offerte hotel per il tuo weekend alle terme