Ispirazioni di Maremma: 6 giorni alle Terme di Saturnia

Pubblicato: 07/01/18 11:01 da

 A conclusione delle feste comandate la mente si concentra sull'inizio dell'anno, sul rientro a lavoro e sugli impegni quotidiani, ma è anche il momento in cui si apre per la prima volta la nuova agenda dove le pagine sono tutte da riempire.
Un viaggio, magari di pochi giorni, una settimana oppure un weekend alla scoperta dei piccoli borghi dai paesaggi archeologici, naturalistici, culturali restano il must del nuovo anno per l'Italia e possono essere meglio organizzati se pensati per tempo.
Non solo bagni e fanghi termali ma anche itinerari e momenti di scoperta per poter raccontare territori che hanno tante storie da raccontare.

Il territorio maremmano ad esempio offre opportunità in ogni stagione, abbraccia la costa tirrenica e le colline interne che si estendono da Massa Marittima fino a Capalbio, dalla zona del Monte Argentario alle isole dell’Arcipelago e fino a Saturnia ed alla Zona dei Tufi di Sovana, Sorano e Pitigliano.
La Maremma si estende nel sud della Toscana in un contesto storico, archeologico e naturalistico che conserva i suoi lineamenti originali, dove gli abitanti hanno cercato di non alterare nulla garantendo così una vera e propria identità culturale che ancora costituisce la vera forza.

Ogni piccolo borgo vanta origini etrusche, romane, medievali, rinascimentali che testimoniano una continuità abitativa lunga almeno tremila anni.
 Oggi l'acqua sorgiva esce dal Monte Amiata ad una temperatura di 37,5° gradi: è sulfurea carbonica solfata bicarbonato-alcalina-terrosa, contiene ioni di solfato in quantità prevalente e ioni di bicarbonato, calcio e magnesio in quantità significativa.

L’acqua piovana entra nelle viscere dell'Amiata, impiega circa 40 anni per filtrare, goccia a goccia, attraverso le fessure dei calcari cavernosi, mentre una copertura argillosa dello spessore di 60 metri la isola da ogni contatto con l’esterno.

 Lo staff di Terme di Saturnia ricorda che nel 2017 è stato particolarmente apprezzato dagli ospiti il pacchetto "Ispirazioni di Maremma" comprendente Ulivitas, Nutrimelis ed Oleo Benessere.
Di cosa si tratta?
Ulivitas è così spiegato dalla direzione termale "la combinazione di olio d’oliva, olii essenziali e basilico ha la proprietà di tonificare, levigare ed energizzare ogni tipo di pelle. Abbinato ad una specifica tecnica di massaggio, dà un risultato sorprendente e una sensazione di vero appagamento". Per Nutrimelis invece "la dolcezza del miele e puri olii essenziali per donare a pelli secche e stressate una setosità unica e una fresca compattezza con effetti detossinanti e drenanti". Oleo Benessere infine è una "particolare metodica che, dopo un‘iniziale valutazione personalizzata, unisce all’effetto di un sapiente massaggio con olii aromatici caldi un impacco di fango specifico, ottenendo una vera seduta di remise en forme con azione distensiva, detossinante e fortemente idratante".

Diversi i programmi benessere proposti agli ospiti, in alcuni casi il soggiorno consigliato è di 6 giorni come nel caso del Body Fit che offre "la possibilità di associare i benefici antiinfiammatori e miorilassanti dell’acqua di Saturnia a tecniche fisioterapiche e di recupero del tono muscolare, per il recupero di un benessere psicofisico ottimale con consulenza medica: fisiokinesiterapia pilates e passeggiate mattutine giornaliere" o della Remise en forme "programma dedicato a tutti coloro che intendono recuperare una forma psico-fisica ottimale, associando una vacanza rilassante ad una piacevole esperienza sensoriale grazie agli esclusivi trattamenti di Terme di Saturnia con consulenza cosmetologica: gommage & plancton, nutrimelis o oleo benessere, Saturnia Long Massage e Fango di Saturnia".

Durante il soggiorno, senza limitare il relax del Resort, si possono raggiungere incantevoli luoghi interessanti da visitare. Piccoli borghi come Pitigliano, Sorano, Sovana fino ad Orbetello.
Non mancano i consigli per costruirsi un itinerario su misura andando per siti archeologici, agriturismi, produttori di veri e propri simboli enogastronomici del territorio oppure edifici di culto, musei e tanto altro. Ad esempio da non perdere a Sorano ci sono "la Fortezza Orsini, con il suo complesso fortificato che si è sviluppato tra il XII ed il XVI secolo, con i suggestivi camminamenti difensivi sotterranei, rara opera di ingegneria militare perfettamente conservata; La Chiesa di San Nicola (XIII sec.); Il Palazzo Comitale (XIII – XIV sec.); Il Masso Leopoldino, ovvero un terrazzamento tufaceo naturale che sorge proprio al centro del borgo e dal quale si domina la valle del Lente; la Porta dei Merli; il Ghetto Ebraico ed infine, lungo la strada per Sovana, la Necropoli di San Rocco, da cui si può godere di una sublime vista panoramica sul borgo".

Cerca Hotel su booking

Data check-in

Data check-out

Migliore Tariffa Garantita
offerte hotel per il tuo weekend alle terme